Continuiamo con le letture estive e lavoriamo con la Guida HBR per motivare le persone della Harvard Business Review per incontrarci di nuovo con ciò che ci fa sentire bene, ottenere prestazioni migliori, motivare noi stessi e persino goderci il lavoro. Se qualcosa riassumesse ciò che ogni manager dovrebbe lavorare per il benessere e le prestazioni di tutti i dipendenti, questo dovrebbe far sentire tutti autonomi, ben collegati e competenti ogni giorno nel nostro lavoro.

Per sentirci autonomi dobbiamo essere in grado di decidere e agire sul nostro lavoro. Come manager, dobbiamo garantire che i nostri lavoratori dispongano delle informazioni e delle risorse necessarie per ottenere buoni risultati. Avere l'opportunità di raggiungere un obiettivo significativo può essere più utile e duraturo che vincere un premio o persino uno status. Le persone lavorano bene quando scegliamo di farlo, non quando ci costringono a farlo.

Per sentirsi parte di qualcosa, dobbiamo connetterci con chi ci circonda con fiducia e senza paura. Convalidare l'esplorazione dei sentimenti, ascoltare ciò che le persone sentono riguardo ai propri obiettivi e progetti è utile. Dobbiamo anche facilitare lo sviluppo di valori sul lavoro allineandoli agli obiettivi personali e aziendali e collegando il nostro lavoro a scopi nobili.

Sentirsi competenti contribuisce anche all'impegno e alla ricerca di motivazione. Dobbiamo sentirci in grado di affrontare le sfide e le opportunità di ogni giorno dimostrando e usando le nostre capacità e sentendo come cresciamo. La formazione contribuisce e valorizzare l'apprendimento è fondamentale. Dobbiamo stabilire e fissare obiettivi di apprendimento, non solo obiettivi di risultati, e chiederci ogni sera non solo ciò che ho raggiunto, ma ciò che ho imparato che mi aiuterà e aiuterà gli altri.

Questi sono tre bisogni psicologici di base che, una volta soddisfatti, ci motivano e creano passione. Se sei un manager, chiediti cosa posso dare al mio team per motivarli e coinvolgerli. Come posso rendere operativi i sentimenti di autonomia, relazione e competizione. E se non lo sei, chiediti cosa posso fare per soddisfare quei bisogni e che venire a lavorare è un piacere e non un obbligo.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia un commento