Solo pochi decenni fa, nessuno ha messo in dubbio l'importanza del QI come criterio di eccellenza nella vita. Resta inteso che maggiore è il QI, ovvero maggiore è l'intelligenza cognitiva, maggiore è la probabilità di successo. Ma qualcosa è cambiato. Grazie a varie indagini, una nuova espressione è esplosa sulla scena: intelligenza emotiva. Pochi immaginavano allora, le ripercussioni che questo concetto avrebbe avuto oggi. Oggi sappiamo che l'intelligenza emotiva è la capacità di riconoscere, comprendere e gestire le emozioni in noi e nell'interazione con gli altri.

Cosa ritieni più importante per avere successo nella vita: il quoziente di intelligenza o il quoziente emotivo (intelligenza emotiva)? Per rispondere a questa domanda, ti invito a guardare questo video su Youtube. Si chiama: "The Marshmallow Test".

Molto tempo fa, presso l'Università di Harvard, sono stati condotti studi longitudinali sull'intelligenza emotiva. Per questo hanno lasciato i bambini di circa 6 anni soli in una stanza con una nuvola (marshmallow) con la promessa che se non lo avessero mangiato ne avrebbero ottenuto uno in più al ritorno dello sperimentatore. Una telecamera ha monitorato i comportamenti dei bambini a loro insaputa. Cosa stava succedendo? Alcuni nascondevano il piatto, altri tagliavano piccoli pezzi, molti soffrivano ... ma non lo mangiavano e alcuni lo mangiavano senza aspettare. Lo studio ha dimostrato che per tutta la vita coloro che hanno saputo aspettare sono andati oltre o più felici di quelli che non hanno tollerato la loro frustrazione e senza aspettare hanno ceduto al loro desiderio immediato. Questo è stato l'inizio del concetto di intelligenza emotiva. Alla fine, facciamo bene quando siamo in grado di tollerare la frustrazione, gestire le nostre emozioni, pensare oltre che sentire. Da allora siamo consapevoli che il modo in cui facciamo sul lavoro e nelle nostre relazioni non dipende tanto da quanto siamo intelligenti (cioè dal nostro QI) ma da come gestiamo le emozioni, dalla nostra intelligenza emotiva.

Quali sono i pilastri dell'intelligenza emotiva?

  1. Auto conoscenza: Consiste nel conoscere noi stessi, sapere chi siamo, realizzare ciò che sentiamo in ogni circostanza e quali sono le nostre reazioni abituali (ciò che mi fa scattare). Se non riconosco le mie emozioni, sono in balia di esse.
  2. L'autoregolamentazione: gestire le nostre reazioni alle diverse emozioni che proviamo. Con questo non intendiamo che dovremmo reprimere le emozioni, ma che possono essere modulate / adattate quando non sono appropriate per la situazione in cui ci troviamo.
  3. Auto motivazione: la capacità che devo fare per realizzare i miei desideri. Per non soccombere alle difficoltà e tollerare la frustrazione.
  4. Empatia: la capacità di comprendere le emozioni e i sentimenti degli altri, di ascoltarli e aiutarli.
  5. Finalmente, il abilità socialiCioè, abilità comunicative, l'intero insieme di abilità che ci aiutano a relazionarci più efficacemente con gli altri. Ad esempio, la nostra capacità di ascolto attivo, assertività, la capacità di dire no o la coerenza della comunicazione verbale e non verbale.

Pensiamo per un momento:

  • Come gestiremo le nostre emozioni se non sappiamo cosa proviamo? (auto conoscenza).
  • Quando qualcosa andrà storto, lasceremo che l'apatia prenda il controllo delle nostre vite o andremo avanti? (autoregolazione, motivazione).
  • Riusciremo a capire i nostri colleghi, partner, famiglia ... e andare d'accordo con loro nonostante le differenze che potremmo avere? (empatia, abilità sociali).

Abbiamo bisogno di intelligenza emotiva, chiamate abilità morbide, per essere in grado di gestire correttamente le diverse situazioni in cui ci troviamo al lavoro e nella vita.

Maria Jose Ortega

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia un commento