Ciò che pensiamo ha un impatto diretto su come ci sentiamo e cosa facciamo e, quindi, sul nostro benessere personale. Molte volte non siamo consapevoli di quanto velocemente i pensieri negativi e l'insicurezza sfuggano al nostro controllo. Altre volte, ciò che accade è che quando ci concentriamo su ciò che stiamo pensando e sui dettagli di ciò di cui siamo preoccupati, tanto peggio ci sentiamo.

Ti è mai capitato come un pensiero ti abbia condotto a un altro, e poi a un altro finché, a un certo punto, ti sei trovato molto irrequieto e nervoso? Come ci sei arrivato? Nel mio caso, ricordo come un giorno mi svegliai a mezzanotte e ricordai che il giorno dopo dovevo inviare una mail molto importante. È un pensiero semplice che mi ha portato a un altro, e poi a un altro, e un altro ancora oltre ... Ho cominciato a pensare all'acquisto che dovevo fare domani, agli incontri a cui dovrei partecipare, alla conversazione che avrei dovuto avere con qualcuno per me importante ... Sono passato dalla rabbia per la mancanza di tempo, alla frustrazione, poi alla tristezza e infine alla pietà. In molti casi non ci sono limiti di tempo per la durata di questo tipo di "attacco mentale".

Cosa possiamo fare quando questo accade? La chiave è notare cosa sta succedendo nella nostra testa prima che i pensieri abbiano la possibilità di guadagnare slancio, cioè di diventare consapevoli di fronte a una grande palla di neve di forme di pensieri. Prima ti rendi conto di come stai formando questa palla, più facile sarà per te interrompere il processo.

Immagina che un giorno mi succeda la stessa cosa nel cuore della notte. Quando inizi a esaminare l'elenco delle cose da fare il giorno successivo, invece di ossessionarti da ciò che devi fare, puoi dire a te stesso: "Caspita, abbiamo finito di nuovo". La chiave è sradicare consapevolmente quel treno di pensieri prima che inizi. Una volta fatto questo, puoi reindirizzare la tua attenzione per essere grato per qualcosa che ti è successo di recente e persino scriverlo su carta ogni volta che ti capita.

Prova a fare questo esercizio ogni volta che sei ossessionato dai compiti a casa o dai tuoi "bisogni". Più grande è la tua "palla di neve", più ti sentirai stressato e sopraffatto.

Maria Jose Ortega

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia un commento